Articoli con tag sport

I nostri Use case: monitoraggio consumi Impianti Sportivi [Video]

Il monitoraggio dei consumi energetici degli impianti sportivi sta diventando, per i titolari di queste strutture, sempre più una necessità e una buona pratica di risparmio: i dispositivi Acotel Net offrono una soluzione per la gestione e la misurazione del consumo ad elevata professionalità e dal costo contenuto.

Gli impianti sportivi in Europa sono circa un milione e mezzo di immobili, i cui consumi corrispondono al 10% di tutto il settore costruzioni dell’Unione Europea: questo comparto, a sua volta, rappresenta circa il 50% del totale consumi energetici del vecchio continente. Si prevede che entro il 2025 i consumi di palestre e centri sportivi aumenteranno di circa il 30%, ecco perché è importante offrire sul mercato soluzioni di monitoraggio e automazione competitive e performanti.

PROSEGUI LA LETTURA »

I nostri case study: CONI Servizi SpA

coni servizi spa

Prosegue il viaggio tra le realtà produttive che hanno scelto le nostre soluzioni di automazione e monitoraggio energetico. Lo scopo è sempre raccontarvi perché i nostri clienti ci hanno dato fiducia e i vantaggi che i nostri servizi offrono in termini di efficienza e analisi dei dati: la seconda puntata dei  nostri case study, è dedicata a Coni Servizi SpA.

Il cliente CONI Servizi e il suo contesto

CONI Servizi SpA, partecipata al 100% dal Ministero dell’Economia, è la società operativa delle attività del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, attualmente presieduto da Giovanni Malagò: gestisce i Centri Nazionali di Preparazione Olimpica, la Scuola dello Sport, l’Istituto di Medicina e Scienza per lo Sport, fornisce consulenza per l’impiantistica sportiva di alto livello e sviluppa il progetto di riqualificazione del Parco del Foro Italico, il più importante parco tematico sportivo in Italia.

PROSEGUI LA LETTURA »

L’Italia ai Mondiali traina i consumi elettrici

italia ai mondiali

Tra l’impennata di consumi elettrici dovuta alla Nazionale di calcio, la tensione energetica Russia-Ucraina e le novità sul settore dell’accumulo energetico, torna la nostra rassegna web con le migliori notizie sui temi dell’efficienza energetica, delle energie rinnovabili e dei consumi aziendali. Tutto il meglio della settimana dai siti e blog del settore letto e segnalato per voi!

  1. L’Italia ai Mondiali traina i consumi elettrici: un lancio di AGI Energia mostra come la partita di sabato della Nazionale abbia incrementato il fabbisogno nazionale di energia di circa 1000 MW rispetto al sabato precedente. Dati a cura di Terna.
  2. La Russia stoppa l’export di gas all’Ucraina: è crisi diplomatico-energetica tra Russia e Ucraina. Mosca ha annunciato lo stop alle forniture di gas a Kiev se prima non verranno saldate le forniture precedenti. I dettagli, su Rinnovabili.it
  3.  

    PROSEGUI LA LETTURA »

10 stadi a basso impatto energetico

Mancano esattamente 30 giorni all’inizio della ventesima edizione dei campionati mondiali di calcio, che quest’anno si giocheranno in Brasile: per far fronte al grande evento, il comitato promotore e il governo brasiliano hanno in questi anni dovuto ristrutturare e ammodernare numerosi stadi, come ad esempio il leggendario Maracanà di Rio de Janeiro, e ne hanno costruiti ex novo altrettanti. Nell’ottica di rendere le competizioni sportive sempre più a impatto zero. in ogni stadio sono state messe in campo misure di efficientamento energetico, come pannelli solari, sistemi di illuminazione intelligente e impianti di riciclaggio delle acque e dei rifiuti, per rendere tutti gli impianti sportivi della competizione mondiale eco-sostenibili, dei veri e propri stadi a basso impatto energetico.

Ecco 10 stadi di varie nazioni che sono all’avanguardia per le loro misure di efficientamento energetico:

1. Arena Pernambuco di Recife

 stadi a basso impatto energetico Arena Pernambuco
Cominciamo proprio dal Brasile: costruito ex novo per i prossimi Mondiali, lo stadio di calcio di Recife vanta un impianto fotovoltaico composto da 3500 pannelli solari che produrrà circa 1500 MWh di elettricità all’anno. Quanto basta per alimentare l’impianto e dare energia all’area residenziale circostante.

PROSEGUI LA LETTURA »

Facebook

LinkedIn

Twitter