Articoli con tag illuminazione

L’illuminazione di Natale [Video]

illuminazione di natale

Natale non è solo regali e cenone, è anche una tradizione millenaria di illuminazione. Del resto l’origine del Natale così come lo conosciamo si riallaccia alle feste pagane dei Saturnali e del Sol invictus, celebrate alla fine di Dicembre per festeggiare il ritorno del sole dopo il solstizio d’inverno. L’illuminazione dunque non è un mero simbolismo ma l’essenza stessa del Natale.

Oggi l’illuminazione è tecnologia e tradizione al tempo stesso: alle candele e alle lanterne si affiancano le luci a led e le lampadine a risparmio energetico. Le strade dei paesi e gli interni delle case si riempiono di luci che cambiano letteralmente il panorama urbano ed extraurbano. Uno studio della NASA ha verificato che nelle città statunitensi l’illuminazione notturna cresce addirittura del 20/50% durante la vacanze di Natale: l’analisi è stata elaborata al Goddard Space Flight Center della NASA, filtrando la luce della luna, le nubi e l’inquinamento atmosferico in modo da isolare solamente le luci delle città.

PROSEGUI LA LETTURA »

I nostri Use case: la Grande Distribuzione [Video]

Avete mai pensato a quanto possono essere diversi gli utilizzi dell’energia elettrica all’interno dei supermercati / discount / ipermercati? Chiunque gestisca un punto vendita della Grande Distribuzione lo sa bene: l’elettricità è fondamentale non solo per l’illuminazione ma anche per una corretta climatizzazione e per la catena del freddo, indispensabili per assicurare una lunga conservazione di alimenti e merci deperibili.

PROSEGUI LA LETTURA »

I nostri Use case: i consumi energetici aziendali [Video]

I consumi energetici aziendali non sono più un pegno obbligatorio alla produttività d’impresa: aziende e uffici, complice una rinnovata sensibilità ai consumi, stanno scoprendo che risparmiare energia è giusto e da oggi sempre più possibile senza costosi investimenti.

All’interno delle aziende il facility manager può introdurre misure di efficientamento energetico attraverso, ad esempio, il monitoraggio dei singoli piani dell’edificio e delle varie sezioni legate agli impianti di condizionamento, illuminazione e server. Non basta, il controllo può estendersi a eventuali consumi del gas – se utilizzato per la gestione del clima o in caso di presenza di servizi di ristorazione – e a quelli dell’acqua.

PROSEGUI LA LETTURA »

Gli sprechi di energia in casa [Infografica]

sprechi di energia in casa

I nostri appartamenti potrebbero essere di gran lunga più sostenibili ed efficienti: gli sprechi di energia in casa, infatti, ancora oggi possono arrivare al 33% dell’energia che consumiamo per far funzionare le nostre dimore. E’ l’allarme lanciato da Stratis, una società americana che si occupa di gestione dell’energia in comunità e condomini.

A tal proposito, Stratis ha sviluppato una interessante infografica che mostra, dati alla mano, come evitare sprechi di energia negli appartamenti e fornisce suggerimenti per ottimizzare i consumi energetici. Tra i vari consigli, l’adozione di sistemi di monitoraggio dell’energia (come il nostro Misuratore di consumo MEM), la sostituzione degli infissi, la coibentazione del tetto e l’utilizzo di termostati programmabili.

PROSEGUI LA LETTURA »

I consumi energetici di EXPO 2015

consumi energetici di EXPO

EXPO 2015, l’esposizione universale in corso alla Fiera di Milano-Rho è a tutti gli effetti una piccola città di centomila abitanti, e come tale è fatta di edifici, strade, servizi e caratterizzata da un consumo energetico continuo, che scende soltanto nelle ore notturne. I consumi energetici della kermesse sono ovviamente ottimizzati e monitorati di continuo e, alla fine di EXPO, quando l’ultimo padiglione sarà stato smantellato (2016 inoltrato), essi saranno più o meno pari a 150 gigawattora (150 milioni di kWh), per un costo totale di 18,5 milioni di euro.

Trattandosi di un’esposizione dedicata al cibo (lo slogan è “Nutrire il pianeta, energia per la vita”) che si svolge d’estate, è naturale che la maggior parte dei consumi energetici di EXPO 2015 siano legati a cucine, climatizzazione e solo in secondo luogo a illuminazione e riscaldamento. Se per la preparazione dei cibi forni e frigoriferi fanno la parte del leone, per la luce dei padiglioni e degli eventi serali è il led il padrone assoluto: tutti i 10mila lampioni del decumano (la strada principale della fiera) sono a led, con un risparmio energetico di oltre il 30% rispetto a lampadine più obsolete e la luce dei vari padiglioni è quasi sempre ottenuta da pannelli fotovoltaici.

PROSEGUI LA LETTURA »

Giornata della luce: i led di Milano

led di milano

Il 22 giugno è stata celebrata la Giornata della luce, evento-culmine del 2015, eletto anno internazionale della luce. In occasione della ricorrenza, che si accompagna al solstizio d’estate, giorno più lungo dell’anno, a Milano sono state mostrate le nuove soluzioni di illuminazione cittadina in un convegno organizzato da Aidi (Associazione Italiana di Illuminazione) ed Enea e patrocinato del Comune di Milano ed Anci.

I led di Milano

Milano si pone all’avanguardia fra le città che hanno adottato sistemi di illuminazione a basso consumo: il capoluogo lombardo è infatti la prima grande la prima grande metropoli centro-europea ad aver già dotato il 100% dei propri impianti con luci a risparmio energetico. In poco più di 18 mesi i 140mila punti luce della città meneghina sono stati sostituiti con lampadine a led, in grado di portare un risparmio del 52%.

PROSEGUI LA LETTURA »

Come confrontare lampadine a led e tradizionali

 confrontare lampadine a led e tradizionali

Archiviate ormai le vecchie lampadine a incandescenza – la produzione in Europa è cessata nel settembre 2012 e ad oggi è possibile solo vendere i vecchi stock – il mercato dell’illuminazione si appresta a pensionare anche le lampade fluorescenti, le cosiddette “a risparmio energetico” per far spazio alle nuove lampadine a led, diventate finalmente più economiche.

Il salto di qualità è innegabile: oltre a consumare molto meno e durare molto di più, le lampade a led contengono meno materiali pericolosi rispetto alle fluorescenti e hanno una forma esteticamente più gradevole, simile a quella delle tradizionali lampadine col filamento di tungsteno. L’ostacolo principale infine, rappresentato dal prezzo più elevato, è destinato a impattare sempre meno col passare degli anni.

PROSEGUI LA LETTURA »

Chi frena l’ascesa delle lampadine a led?

lampadine a led

Quasi del tutto archiviate le lampadine a incandescenza, in Europa si fanno strada a grandi passi le luci a led: economiche, ecologiche, con meno dispersione di calore delle precedenti fonti luminose, nettamente migliori delle luci fluorescenti, le lampadine a led sono ormai l’avanguardia nell’illuminazione casalinga e industriale.

Tutto bene, dunque? Non esattamente. Già, perché se le vecchie lampade a incadescenza sono ormai andate in pensione, non altrettanto si può dire delle luci fluorescenti, le cosiddette “lampadine a basso consumo”, le cui primissime generazioni facevano sì risparmiare elettricità, ma risultavano complicate da smaltire e comunque ancora decisamente energivore.

PROSEGUI LA LETTURA »

Il Premio Nobel 2014 per la luce a basso consumo

 premio-nobel 2014

Oggi è stato assegnato il premio Nobel 2014 per la Fisica: l’importante riconoscimento è stato dato a tre scienziati giapponesi, Isamu Akasaki, Hiroshi Amano e Shuji Nakamura, per aver inventato nei primi anni ’90 il LED a luce blu, un particolare tipo di diodo a emissione luminosa al centro degli attuali sistemi di illuminazione a basso consumo energetico.

La decisione dell’Accademia reale svedese delle scienze premia quindi l’innovazione tecnologica che ha di fatto permesso la diffusione in tutto il mondo della luce a basso consumo: l’importanza del LED a luce blu è dovuta al fatto che solo questo LED, combinato agli altri tipi di LED, permette di realizzare lampade a luce bianca. Lampade che sono caratterizzate da una durata estremamente lunga e da un ridotto consumo energetico.

PROSEGUI LA LETTURA »

Come risparmiare sull’illuminazione in casa?



Scopri come utilizzare le luci in modo strategico con i consigli dell’esperto

Come risparmiare sulle spese di casa? È una domanda che ci facciamo spesso, specialmente quando arriva la bolletta. Ecco allora qualche idea per ridurre i costi grazie a un uso intelligente delle luci di casa e risparmiare sull’illuminazione.

In Italia si spendono ben 750 milioni di euro in sprechi per la luce, una cifra enorme. Ridurre gli sprechi è dunque la prima regola. Come? Ad esempio con un gesto semplice: spegnere l’interruttore quando si esce da una stanza. Ma anche pulendo regolarmente le lampadine: eliminare lo sporco e la polvere aumenta del 20% le potenzialità della fonte luminosa.

PROSEGUI LA LETTURA »

Facebook

LinkedIn

Twitter