Risparmiare energia in casa è possibile ma attenzione agli standby!

Standby

Come risparmiare energia in casa? Subito dopo il noto dilemma “essere o non essere”, è questo uno degli interrogativi che più attanaglia gli italiani. Le nostre abitazioni sono piene di apparecchi collegati alla rete elettrica e molti di essi, quando non vengono utilizzati, entrano in modalità standby: non sono cioè accesi ma neanche completamente spenti. Il led che ci guarda insistentemente dall’alto della nostra TV, stereo o PC, indica dunque che l’elettrodomestico è pronto a rimettersi in funzione in tempi rapidi.

Quello che forse però non è ben chiaro è che tuti questi “occhietti rossi” hanno un impatto, non proprio irrilevante, in bolletta. L’energia infatti viene consumata sia dagli alimentatori, che trasformano la corrente elettrica da alternata a continua, sia dai sensori che, in attesa di un segnale, indicano lo stato dell’apparecchio.

Un recente studio dell’Unione Europea stabilisce che l’energia consumata ogni anno da apparecchi in standby, all’interno delle case dei 27 paesi dell’UE, ammonta a circa 43 TWh. L’International Energy Agency indica poi che entro il 2030 il 15% dei consumi elettrici in Europa sarà attribuibile proprio agli standby dei nostri apparecchi.

Tra i dispositivi che consumano di più anche da spenti o in standby ce ne sono alcuni davvero insospettabili. Vediamone alcuni:

Caffettiera elettrica: la macchina del caffè consuma circa 1 watt/ora quando non è in uso. E’ dunque consigliato collegarla alla presa elettrica solo in caso di necessità.

Microonde: è uno degli elettrodomestici che consuma più energia: circa 3,08 W ma può arrivare a consumare anche fino a 25,79 W se si lascia lo sportellino aperto.

Telefono cordless: il cordless è un altro dispositivo decisamente utile ma che insospettabilmente può consumare fino a 2,9W/ora.

Come fare dunque per limitare i danni di una gestione disattenta degli standby in casa?

E’ opportuno avere sempre cura di staccare la spina degli elettrodomestici, quando non sono in uso, e acquistare una presa multipla dotata di interruttore per poterli spegnere ogni volta che non si utilizzano.

Oltre a questa regola base, legata principalmente al buon senso, sarà opportuno non farci cogliere impreparati e correre ai ripari utilizzando alcuni strumenti alternativi appositamente studiati per ottimizzare i consumi e ridurre gli sprechi.

Acotel, attraverso le proprie soluzioni, consente di intraprendere un cammino
virtuoso di rieducazione al risparmio. Con l’utilizzo degli strumenti messi a disposizione da Acotel, infatti, tenere sotto controllo i propri consumi sarà semplice e immediato come ricordarsi di spegnere un elettrodomestico…led compresi!
Il risparmio in bolletta? Non è più una chimera!

Tutti i dettagli su www.acotelnet.com

Lascia un commento