People power 2.0 e la rivoluzione dal basso

We want you

E’ chiamata people power revolution 2.0 e già in molti la definiscono l’ultima frontiera della modernità in ambito energetico. L’educazione al risparmio e la transizione verso una società energetica low carbon deve iniziare dal basso. Questo assioma è frutto di una ricerca pubblicata su Nature Energy che evidenzia cinque tipologie/gruppi di utenti in grado, con i loro comportamenti e abitudini di consumo, di influenzare positivamente altri soggetti, promuovendo il cambiamento.

Guai però a etichettare questi “innovatori” con il semplice appellativo di consumatori.

Loro sanno essere molto di più; degli evangelizzatori attivi nel promuovere tecnologie e applicazioni che tendano verso un nuovo sistema energetico sostenibile.

Vediamo dunque nel dettaglio quali sono le tipologie di utenti, individuate nella ricerca, e come la people power revolution può realmente influenzare il cambiamento energetico:

gli utenti-cittadini: possono essere definiti i challenger, coloro cioè che sono portatori di cambiamento in contrapposizione a quello attuale. Questa tipologia di utenti è fortemente motivata a lottare per trovare nuove soluzioni ai problemi pratici legati al quotidiano. L’essere prima di tutto cittadini li porta a guardare con occhio attento alle falle del sistema metropolitano: ad esempio, dalla diffusione delle migliori pratiche di riduzione dei rifiuti all’adozione di sistemi di monitoraggio consapevole dell’energia domestica.

Influencer1

– gli utenti intermediari: sono coloro che conoscono molto bene i problemi dei consumatori e che si fanno parte attiva nella non sempre semplice pratica dell’intermediazione con le autorità. Questi utenti sono credibili e aiutano le nicchie a divenire mainstream. Un esempio tra tutti è sicuramente l’European Climate Action Network, la più grande coalizione d’Europa che lavora su questioni climatiche ed energetiche.

 gli utenti produttori: usano la tecnologia, modificano i propri comportamenti  e studiano azioni innovative legate ad uno specifico prodotto. Con il loro potenziale rappresentano la dunque chiave dell’innovazione e delle start-up. Un esempio tra tutti? Gli inventori dei primi impianti ibridi i cui progressi sono stati adottati nel tempo da diverse società e imprese.

Influencer 2

 gli utenti-consumatori: chiamati anche ‘lead-consumers”, sono coloro che adottano velocemente gli sviluppi di nicchia, facendo propri tutti i cambiamenti e adottandoli nella propria quotidianità. Questa tipologia di utenti contribuisce alla costruzione positiva di idee in merito a particolari nicchie all’interno della società. Pensiamo, ad esempio, a chi per primo ha deciso di recarsi a lavoro a piedi o in bicicletta convincendo anche altre persone a fare lo stesso.

– gli utenti-legittimatori: questa tipologia influenza in larga misura le convinzioni sociali contribuendo a fornire le conoscenze per promuovere l’accettazione culturale a livello locale. Il loro punto di vista è di solito ancorato a convinzioni già testate e validate e rappresenta l’autorevolezza che legittima il cambiamento.

Lascia un commento