Il mercato delle auto elettriche: evoluzioni e novità

Auto elettriche 2

Il boom delle auto elettriche nelle nostre città è, soprattutto negli ultimi anni, un dato di fatto da analizzare con attenzione. Partiamo da qualche dato: ad oggi nel mondo circolano più di un milione di auto elettriche di cui quasi la metà sono state immatricolate nel 2016. 

Le vendite stanno esponenzialmente aumentando, anno dopo anno, trainate probabilmente dai feedback positivi di mercati più ricettivi e preparati in materia (USA, Cina e Giappone). 

In Italia i numeri faticano ancora a decollare del tutto anche se i dati aggiornati ai primi mesi dell’anno in corso, raccontano che un’auto ogni cinquemila in circolazione è alimentata prevalentemente ad energia elettrica. Nel 2016 sono state vendute 1373 auto elettriche corrispondenti allo 0,1% delle immatricolazioni complessive. 

Ma quali sono le principali motivazioni che spingono un numero sempre crescente di clienti a preferire l’auto elettrica? In molti sostengono che le auto elettriche facciano bene all’ambiente e in effetti i gas serra si riducono di molto se consideriamo l’intero ciclo di vita della produzione elettrica: da 100 gCO2/km delle migliori EURO 6 a 45 gCO2/km delle auto elettriche. La riduzione dell’inquinamento è poi agevolato anche dalla comprovata efficienza e affidabilità del motore elettrico rispetto a quello convenzionale. 

Ma quanto costa ricaricare un veicolo elettrico? I costi dell’elettricità, ed è questa la variabile da monitorare, possono variare di più dei costi del carburante in funzione di come e di dove si effettua la ricarica. Chi desidera acquistare un’autovettura elettrica dovrà pertanto approfondire i pro e i contro della ricarica privata e di quella pubblica

E i costi per l’acquisto di un autovettura elettrica? Spesso i modelli che presentano costi di acquisto inferiori ai 30 mila euro non includono l’acquisto della batteria che viene poi noleggiata dalla casa madre con costi accessori. Inoltre fare il pieno ad un’auto elettrica può richiedere l’acquisto di opportuna attrezzatura per la ricarica con dei costi che variano da 0€, nel caso sia sufficiente quella data in dotazione dalla casa madre, fino a 2000€ (nel caso si installi una wallbox e si acquisti ulteriore strumentazione per ricaricare da colonnina pubblica e in viaggio).

Lascia un commento