Ecco le finestre intelligenti energeticamente autonome

finestre intelligenti

Arriva – forse – la rivoluzione nel campo delle smart windows, le cosiddette finestre intelligenti capaci di scurirsi o di schiarirsi in base alla quantità di luce che colpisce la loro superficie: dal team di ricerca del Nanyang Technological University (NTU) di Singapore ecco una nuova tipologia di vetro in grado di regolare la quantità di luce che entra nella stanza in modo energeticamente autonomo.

Già, perché fino ad oggi le varie tipologie di finestre intelligenti si contraddistinguevano per la loro dipendenza da una fonte energetica che innestasse il processo di scurimento/schiarimento: anche i modelli più avanzati dovevano dotarsi di un sottile modulo fotovoltaico per funzionare, e dunque dipendevano da una fonte esterna.

finestre intelligenti ossido di silicio

Le ricerche della NTU sembrano invece aver superato il problema, portando alla creazione di un particolare tipo di ossido di silicio con all’interno un elettrolita separato da due strati di ossido di indio e stagno. Quando il sole colpisce la finestra, l’ossigeno che si crea nell’elettrolita apre il circuito tra le due lastre e libera un pigmento che si colora di blu. Viceversa, quando il sole cala, la finestra torna trasparente.

L’invenzione, racconta il ricercatore a capo del team, dall’emblematico nome di Sun (“Sole”) Xiaowei, permetterà a costruttori ed architetti di realizzare edifici a bassissimo fabbisogno di energia, perché le finestre intelligenti installate limiteranno l’eccesso di caldo o di freddo dovuti a un non adeguato “filtraggio” della luce solare.

 

Lascia un commento