5 buoni consigli per il tuo risparmio energetico!

risparmio_energetico

Negli ultimi anni la cultura del risparmio, soprattutto in ambito energetico, ha assunto un valore crescente non solo negli ambiti professionali ma anche in quelli domestici. Le buone ragioni per occuparci di risparmio energetico possono sostanzialmente essere ricondotte alle seguenti quattro macro aree:

  • motivi ecologici: l’obiettivo è ridurre l’inquinamento, l’effetto serra e gli impatti deleteri per la salute del nostro pianeta. Il crescente consumo di energie non rinnovabili provocherà, se non correttamente gestito, disastri ambientali con importanti conseguenze a medio e lungo termine;
  • possibilità di usufruire delle agevolazioni fiscali attualmente in vigore;
  • risparmio reale sulla bolletta energetica;
  • motivi etici: un quarto della popolazione mondiale consuma i tre quarti della produzione complessiva di energia e con questi livelli non c’è, e non può esserci, disponibilità di energia per tutti.

Capite dunque le principali motivazioni che ci portano a guardare con un occhio attento alle reali opportunità legate all’adozione di politiche virtuose in ambito energetico, gli esperti del settore suggeriscono alcune modalità per tagliare seriamente i costi della bolletta energetica.

Vediamo nel dettaglio quali sono i suggerimenti più rilevanti:

1. Installare un impianto solare termico sul tetto, in giardino o sul proprio terrazzo. Si tratta di un investimento gestibile a livello economico che però garantisce un risparmio molto alto: i pannelli solari termici permettono infatti di coprire fino al 70% dei consumi di acqua calda, all’interno di un nucleo familiare medio composto da tre persone. Anche sul fronte dell’impatto ambientale l’impatto è assolutamente positivo. Si parla infatti di un risparmio annuale di oltre 1.500 kg di CO2. Sfruttando poi il riscaldamento a pavimento, un impianto solare termico può arrivare a coprire fino al 30% del consumo termico complessivo della famiglia.

solare-termico

2. Installare un impianto fotovoltaico. È sufficiente anche un impianto da 1 kWp per coprire fino al 40% dei consumi di elettricità di una famiglia media.

Pannelli Fotovoltaici

3. Valutare l’installazione di un impianto geotermico. Questa tipologia di impianto è in grado di sostituire condizionatore e caldaia grazie allo sfruttamento del calore della terra.

4. Prendere in considerazione l’installazione di una pompa di calore sul pavimento o sulla parete per riscaldare l’acqua. Grazie allo sfruttamento dell’energia termica dell’aria questo impianto consente di tagliare letteralmente i consumi fino al 75%, con un notevole risparmio sulla bolletta energetica, riscontrabile soprattutto nei mesi invernali.

5. Sfruttare le detrazioni fiscali del 65% introdotte dal Governo per tutti gli interventi di efficientamento energetico degli edifici. I cosiddetti ecobonus sono validi per l’installazione di un impianto a energia rinnovabile e per la sostituzione delle vecchie caldaie con modelli più efficienti, come le caldaie a condensazione.

Enrgiesparhaus in der Wiese

Senza la cultura del risparmio energetico il nostro pianeta non può evolversi!

Lascia un commento