Archivi mensili per agosto, 2015

6 curiosità sulle biomasse

curiosità sulle biomasse

Fra le numerose fonti di energia rinnovabili, le biomasse occupano un posto di rilievo, seppur poco noto e spesso sottovalutato. Ma che cosa sono precisamente le biomasse? E perché sono una preziosa fonte di energia? Quanto vengono utilizzate nel mondo? E che ruolo avranno in futuro? Scopriamo insieme 6 curiosità sulle biomasse.

1) Che cosa sono le biomasse?
Si definisce biomassa tutto ciò che ha matrice organica, con l’esclusione delle fonti fossili. Esempi comuni di biomasse sono i residui agricoli e forestali, gli scarti di legname, i resti delle coltivazioni dedicate all’alimentazione e all’allevamento ma anche le deiezioni animali. In particolare la biomassa vegetale viene prodotta dal processo di fotosintesi clorofilliana, che immagazzina nei legami chimici dei vegetali l’energia solare che ha originato la fotosintesi. Di conseguenza, il processamento delle biomasse (in genere mediante combustione, ma anche tramite pirolisi, gassificazione o carbonizzazione) libera il carbonio immagazzinato, lo combina con l’ossigeno atmosferico e produce calore, liberando anidride carbonica pronta ad essere nuovamente assorbita dalle coltivazioni per produrre nuove biomasse.

PROSEGUI LA LETTURA »

Partnership Acotel-Eni: il futuro insieme [Video]

Al termine di un periodo di sperimentazione di oltre 14 mesi Eni ha lanciato prima dell’estate la sua nuova offerta myEnergy, che vede protagonisti il nostro misuratore di consumi elettrici MEM e la piattaforma di monitoraggio interamente ideata e sviluppata da Acotel: l’offerta, diretta alla clientela Business della vendita di energia elettrica, nasce per favorire un utilizzo efficiente dell’energia e il risparmio energetico.

PROSEGUI LA LETTURA »

I nostri use case: Villaggi turistici [Video]

Dopo avervi raccontato i nostri case study, iniziamo un percorso per raccontarvi una serie di use case nei quali utilizzare i nostri servizi di monitoraggio energetico e automazione. Oggi vi parliamo dell’analisi dei consumi energetici dei villaggi turistici, che rappresentano una realtà produttiva molto diffusa in un paese come il nostro, a forte vocazione ricettiva.

L’analisi dei consumi energetici di un villaggio turistico non può prescindere da alcune macro-aree di consumo che abbiamo identificato in: consumi generali e delle aree comuni ad alto consumo energetico, consumi di ristorazione, piscine, aree intrattenimento e area commerciale. Corollario di una completa analisi è la puntuale attribuzione dei costi per le attività eventualmente gestite da terzi (ristorante, attività commerciali, etc.).

PROSEGUI LA LETTURA »

Come risparmiare energia in ufficio [Video]

Ecco a voi la seconda parte del nostro video tutorial su come risparmiare energia in ufficio: siamo partiti dall’utilizzo efficiente del computer, oggi vi parliamo di tutte le altre buone pratiche da seguire al lavoro per abbattere gli sprechi energetici, migliorare l’ambiente e risparmiare soldi.

PROSEGUI LA LETTURA »

Google ti dice qual è il miglior tetto per il fotovoltaico

Si chiama Project Sunroof ed è la nuova applicazione di Google che ci dice quale tetto è il migliore per installare un impianto fotovoltaico. L’idea è semplice ma geniale: grazie al database di Google Maps e combinando i propri dati con quelli di altri database, riguardanti perlopiù estensione dell’edificio ed esposizione del tetto, Google Project Sunroof è in grado – previo inserimento dell’indirizzo di casa, di calcolare la superficie disponibile in cima alle abitazioni, quanto sole colpisce il tetto in un anno e quindi il risparmio ottenibile dall’installazione dei pannelli solari.

PROSEGUI LA LETTURA »

Italia secondo paese al mondo per efficienza energetica [Report]

efficienza energetica Italia

L’Italia è sul podio, per l’esattezza al secondo posto, per efficienza energetica nella speciale classifica annuale redatta dall’American Council For Energy Efficency Economy, l’ente no profit che studia e analizza le tendenze e le condotte di efficientamento energetico delle principali economie mondiali, responsabili dell’81% del PIL mondiale e del 71% dei consumi energetici.

Il rapporto dell’ACEEE 2014 International Energy Efficiency Scorecard, relativo al 2014, vede infatti il Bel Paese in seconda posizione dietro la Germania nella graduatoria tra le prime 16 economie del mondo che performano meglio in termini di utilizzo razionale dell’energia. Il paper analizza per ognuno dei paesi i miglioramenti ottenuti principalmente in 3 settori: Edilizia, Industria e Trasporti, per poi fare una media nazionale. Per l’Italia il punteggio migliore arriva dal settore Trasporti dove, secondo l’ACEEE, sono stati fatti grandi progressi in termini di diminuzione dei veicoli circolanti e utilizzo efficiente dei carburanti.

PROSEGUI LA LETTURA »

8 trucchi per risparmiare carburante in auto

 risparmiare carburante in auto

Agosto, tempo di partenze: milioni di automobili percorrono le autostrade italiane dirette verso le località di vacanza con un notevole consumo di carburante e di energia. Molti non sanno che la propria macchina potrebbe però viaggiare in maniera più efficiente e risparmiare così energia, benzina e usura. In queste poche righe vi sveliamo 10 pratici trucchi per risparmiare carburante in auto.

  1. Utilizzate il carburante migliore: di tanto in tanto, alternate alla tradizionale benzina verde o al diesel classico, un pieno con i carburanti “di fascia alta”, come la benzina a 100 ottani o il gasolio “deluxe”. Aiutano a pulire gli iniettori, migliorano le prestazioni e svolgono una generale azione di “pulitura” del motore migliorando i consumi.
  2. Cambiate olio e filtro: il modo migliore per risparmiare benzina è tenere il motore in efficienza e ciò è possibile solo con una frequente sostituzione (almeno ogni 20mila Km) dell’olio e del motore e del relativo filtro. Tra i vari lubrificanti è sempre meglio scegliere gli oli sintetici, più scorrevoli rispetto ai tradizionali oli minerali.
  3.  
    PROSEGUI LA LETTURA »

Come risparmiare energia utilizzando il computer [Video]

I modi per abbattere i consumi elettrici in ufficio sono tanti e spesso molto semplici: si va dall’ottimizzazione del riscaldamento a un corretto utilizzo della carta e dell’inchiostro da stampa a una gestione oculata dell’illuminazione degli uffici. Oggi vi mostriamo come risparmiare energia utilizzando il computer, il nostro strumento di lavoro più vicino e fidato.

PROSEGUI LA LETTURA »

Facebook

LinkedIn

Twitter