Archivi mensili per marzo, 2015

L’ora legale serve davvero?

ora legale

L’ora legale: un po’ di storia

Nella notte fra sabato 28 e domenica 29 marzo è entrata in vigore l’ora legale, ossia la convenzione tramite la quale l’orario ufficiale viene spostato un’ora avanti: l’ora legale viene osservata in tutta Europa, negli Stati Uniti e in alcune parti di Sud America, Australia, Canada, Africa e Asia, e rimarrà in vigore fino al 25 ottobre 2015.

Più correttamente chiamata in inglese Daylight saving time (“orario per risparmiare ore di luce”), l’ora legale nacque nel 1916 in Gran Bretagna e in Italia, dove si affermò come stratagemma per risparmiare energia durante la prima guerra mondiale, e ben presto si estese a tutta l’Europa: lo scopo era (ed è) quello di ritardare l’accensione dell’illuminazione elettrica aumentando “artificialmente” il naturale allungamento delle giornate dovuto all’equinozio di primavera.

PROSEGUI LA LETTURA »

A settembre le nuove bollette luce e gas

bollette luce e gas

Nuove bollette luce e gas e abolizione mercato tutelato

Come molti già sapranno, il cosiddetto mercato di maggior tutela – che a livello tariffario accoglie i consumatori che non hanno scelto un gestore quando è cessato il regime di monopolio nella fornitura di elettricità e gas – è destinato a scomparire, per far posto solo al mercato libero, governato dalla libera concorrenza fra gestori. Quello che però non tutti sanno è che il ddl Concorrenza, approvato recentemente dal Governo, ha posticipato la fine del mercato tutelato, portandola al 2018inizialmente il passaggio si  sarebbe dovuto compiere il 1° luglio 2015 per il gas e il 1° luglio 2016 per l’elettricità.

Tutto rimandato, dunque: nel frattempo però l’Autorità per l’energia ha stabilito che dal 1 settembre 2015 i gestori avranno 1 anno di tempo per modificare le bollette luce e gas, che dovranno avere tutte il medesimo schema di presentazione dell’importo dovuto e delle singole voci. In questo modo, spiega l’Autorità, le bollette diventeranno più trasparenti e facilmente confrontabili fra loro.

PROSEGUI LA LETTURA »

Eclissi di sole: problemi per il fotovoltaico?

eclissi di sole

L’eclissi di sole del 20 marzo

Questa mattina, dalle 9:30 circa, tutti gli occhi della penisola – rigorosamente protetti con adeguati filtri – hanno ammirato l’eclissi di sole che ha parzialmente ridotto del 30/40% la luce della nostra stella. Il fenomeno, dovuto al passaggio della luna davanti al sole, non si avveniva con questa intensità dal 3 ottobre 2005 (eclissi però funestata dal cielo coperto) e ancora di più dall’11 agosto 1999, giorno in cui l’Europa potette assistere a una eclissi totale di sole, visibile anche dall’Italia.

Le prossime eclissi visibili dal bel Paese saranno il 2 agosto 2027 (eclissi parziale) e il 3 settembre 2081 (eclissi totale), mentre l’ultima eclissi totale prima del 1999 si verificò addirittura il 15 febbraio 1961.

PROSEGUI LA LETTURA »

Tutta l’energia per alimentare New York [Infografica]

new york infografica

New York City non è solo una delle più incredibili metropoli del mondo, non è solo la grande mela, non è solo “la città che non dorme mai”: New York – dove anche noi abbiamo una sede – è anche una delle città più energivore al mondo, con un consumo annuo di 60 miliardi di kWh. Alimentare New York per un anno richiede un mix energetico non indifferente, equivalente ad esempio a un cubo di carbone alto 294 metri, oppure a 76 petroliere Exxon valdez oppure a un impianto eolico grande più della metà di Long Island.

PROSEGUI LA LETTURA »

I nostri case study: Gotto d’oro (Roma)

gotto d'oro roma

Gotto d’oro (Roma): è da questa azienda vinicola che riparte il nostro viaggio tra le aziende che hanno scelto le nostre soluzioni di monitoraggio consumi energetici, smart metering e building automation. Tante realtà produttive che ci hanno dato fiducia per i vantaggi innegabili che i nostri servizi offrono in termini di efficienza e analisi dei dati: una nuova tappa fra i nostri case study!

Il cliente Gotto d’oro e il suo contesto

La Cantina sociale Gotto d’oro è un’azienda italiana operativa nel settore vitivinicolo con sede principale a Marino (Provincia di Roma), nell’area dei Castelli Romani. Fondata nel 1945, Gotto d’Oro conta 430 soci e 1800 ettari iscritti nei comuni di Marino, Ciampino, Grottaferrata e Frascati, tratta ogni anno oltre 200.000 quintali di uva e produce in media 10.000.000 di bottiglie l’anno. E’ tra le prime venti aziende in Italia del settore.

PROSEGUI LA LETTURA »

Come confrontare lampadine a led e tradizionali

 confrontare lampadine a led e tradizionali

Archiviate ormai le vecchie lampadine a incandescenza – la produzione in Europa è cessata nel settembre 2012 e ad oggi è possibile solo vendere i vecchi stock – il mercato dell’illuminazione si appresta a pensionare anche le lampade fluorescenti, le cosiddette “a risparmio energetico” per far spazio alle nuove lampadine a led, diventate finalmente più economiche.

Il salto di qualità è innegabile: oltre a consumare molto meno e durare molto di più, le lampade a led contengono meno materiali pericolosi rispetto alle fluorescenti e hanno una forma esteticamente più gradevole, simile a quella delle tradizionali lampadine col filamento di tungsteno. L’ostacolo principale infine, rappresentato dal prezzo più elevato, è destinato a impattare sempre meno col passare degli anni.

PROSEGUI LA LETTURA »

I nostri case study: Poste italiane

poste italiane

Continua il nostro percorso alla scoperta delle aziende che hanno adottato i nostri dispositivi per l’automazione e l’efficienza energetica: soluzioni e realtà produttive differenti, accomunate dalla volontà di abolire gli sprechi energetici e implementare una gestione intelligente degli apparati: oggi la terza puntata dei nostri case study è dedicata a Poste italiane!

Il cliente Poste Italiane e il suo contesto

Poste italiane Spa, società che si occupa della gestione del servizio postale in Italia, è l’8º gruppo economico italiano per fatturato nonché il più grande gruppo di servizi del paese. Fondata nel 1862, Poste ha un organico di circa 150mila dipendenti e una rete di 13.841 uffici postali, 21 centri di meccanizzazione postale per le spedizioni di lettere e pacchi e 136 uffici direzionali sparsi per tutto il territorio nazionale.

PROSEGUI LA LETTURA »

Facebook

LinkedIn

Twitter